UN ABBRACCIO CON GLI SCI!
Un abbraccio gigantesco sarà disegnato quest’inverno, non con una matita ma con una traversata in sci di mesi…; un abbraccio immenso disegnato con gli sci tutt’attorno una vasta terra selvaggia… Quella che amerei veder protetta per sempre dai Mostri del Petrolio…, dai Divoratori di Bellezza. Questa terra è l’Arctic National Wildlife Refuge, il Rifugio Artico della Fauna Selvaggia nel nord est dell’Alaska.
Questa terra, bianca nella sua veste invernale, diverrà il quaderno sul quale traccerò con la matita (i miei sci…) un grande abbraccio simbolico. Mi occorreranno mesi per percorrerne l’intero perimetro, per lasciar impresso nella neve il lungo disegno…: sarà una Sacra Pista, una pista con la quale dire “Protetto per Sempre” non solo con le mere parole…
Disegnerò il mio amore sulle nevi del Rifugio Artico, lo farò con le mie gambe e cuore attraverso mesi di difficile traversata nel profondo della più fonda profondità del gelido inverno del Nord..
…Ma il solo trovarmi lassù a respirar la Bellezza ed Energia della Terra Madre e degli Antenati, infonderà calore potente in ogni cellula del mio essere. Poiché, come il nome stesso racconta…., lassù è Rifugio…
Alla pari di quanto accadde anni fa quando già sciai l’intera Alaska da sud a nord da solo ed in inverno dalla Costa del Pacifico fin su all’Arctic Refuge e quindi attraverso Izhik Gwats’an Gwandaii Goodlit, “Il Luogo Sacro Ove la Vita ha Inizio” sulla costa dell’Oceano Artico, ove da millenni i cuccioli di Caribou vedono il cielo per la prima volta. Mi ci vollero 5 mesi allora al fine di dar voce ai Caribou e al Popolo Gwich’in: semplicemente Camminando le mie Parole e semplicemente Camminando la Terra. Come da sempre hanno fatto gli Antenati fino a poco fa: coloro i quali donarono ai Gwich’in questa terra esattamente come ancora è oggi. Vorrò Ripercorrere Ancora la Sacra Terra: vorrò tornare ad apprendere dal vento e dagli Antenati.
Un gigantesco abbraccio, a rappresentare Amore e Protezione, verrà dunque tracciato quest’inverno tutt’attorno il Rifugio Artico. Un itinerario in sci lungo centinaia di chilometri disegnerà l’Abbraccio e lo connetterà alle Piste lasciate nei millenni…: da loro, i Caribù e gli Antenati.. Benchè non più visibile, benchè cancellata in un istante dal vento e dalla neve, la mia lunga pista resterà per Sempre: impressa nei fianchi delle montagne come le Piste dei Caribù. Impressa nella terra e nell’aria stessa come le eredità degli Antenati.
Poiché le Preghiere son Più Antiche di Qualsiasi Religione.
Ed esse restan per sempre.

Ario Daniel Z’Hoo.

2017 -
New Spiritual Journey on Skis!
April 2017:
just back from very tough but succesfull journey! ---
 
Appena rientrato, missione tosta ma compiuta!!
Follow me on Facebook:
Ario Daniel Z'Hoo

Photo Essay

supported by ERZIA Technologies

 

&

Erboristeria la Genziana, Cortina d'Ampezzo (BL)

"Taking Refuge In A Giant Hug"

A HUG ON SKIS - A Giant hug drawn not with a pen but with a months long ski journey…; a giant hug or a big loving heart drawn with skis alla round a wild land; the land I learned to Love, the one I would wish to protect from the Oil Monsters…, from te Devourers. This land is the Arctic National Wildlife REFUGE.

This land, white in its winter coat, will be the paper on which I will draw with my pen (the skis…) this giant hug or heart. It will take me months, encircling the whole boundaries of the ANWR, to leave on the snow this loooong draw: it will be a Sacred Trail, a trail to say “Protect Forever” not just by simple words. I will draw my love on the ANWR snow, I will do it with my legs, it’ll take me months of though skiing deep into the deepest wilderness in the depth of the freezing winter.

…But just to be up there and breathe the Beauty and the Energy of Mother Earth and of the Ancestors, will give powerfull warmth to every single cell of my body. Because, as the name itself tells..., it's Refuge, up there... 
As it happened years ago when I already skied all Alaska alone in winter from the Pacific Coast all the way up to the ANWR and then across it up to Izhik Gwats’an Gwandaii Goodlit, The Sacred Place Where Life Begins…, the Arctic Coast where the Caribous calve… It took me 5 months that time, to give voice to the Caribous and to the Gwich’in Nations…. By simply Walking my Worlds and by simply Walking the Land. As the Ancestor did: those who gave the Gwich’in People this land still as it is now. I want to Walk Again the Sacred Land: I want to learn again from the Ancestors.

A Giant Hug as to simbolize Protection and Love, will be drawn this coming winter all around ANWR… A hundreds miles long ski trail drawing this hug will join the ones left in the millennia by Them…: Caribous and Ancestors. Even if no longer visible, even if deleted right away from the next winds or snowfalls, my long trail will Stay For ever: carved in the mountain as the Trails of the Caribous. Carved in the Soil and Air as the inheritance of the Ancestors.

Because Prayers are Older than Any Religion.

And they stay for ever.

Ario Daniel Z'Hoo